domenica 28 ottobre 2012

Mini buttermilk soda bread

Portapane Essential di Bianco


Ricordate il mio sogno inglese, quello del cottage nella campagna, di cui vi ho già parlato qui?! Ecco, ogni tanto, mi torna in mente l’immagine, e sembra quasi prendere la forma di un romanzo, e l’idea mi piace. E’ come una sorta di collezione di storielle, di vita, di come a volte la sogno, e di come riesco ad estraniarmi dalla quella di tutti i giorni, e vivere, seppur in maniera astratta alcuni momenti, che per ora sembrano solamente lontani e irrealizzabili.


Ci troviamo sempre nel mio cottage, nel mio piccolo e vecchio cottage, con il camino acceso, l’aria autunnale che soffia forte fuori, le sciarpe che avvolgono calorosamente il collo. Tu, come al tuo solito, stai passeggiando lungo il viale, colmo di foglie scricchiolanti, il sole che ormai non scalda più la pelle,  il silenzio intorno a te che ti fa compagnia. Ed è sabato, e tu sei felice.
Quella mela caduta che raccogli con così tanta soddisfazione, la addenti, e nonostante la sua acidità, la gusti come se fosse la più dolce sulla Terra. Poi decidi di metterne in tasca qualcuna, anzi più di qualcuna, perché hai già in mente un bel dolcino, magari un bel crumble, con tanta cannella, obviously.  Trascorri gran parte del pomeriggio  all’aria aperta, ne hai il bisogno, l’aria sul tuo viso è fredda, le orecchie sono semi-congelate, rimpiangi di non aver preso il berretto con te, ma l’atmosfera e il paesaggio sono così belli che non ci fai nemmeno più caso. Ti vengono in mente una moltitudine di cose, di quando Wordsworth aveva ragione, che alla fine tutto torna.
Poi si fa tardi, il sole scende, e il freddo si fa ancora più pungente. Ti porti verso casa, e pensi a cosa potresti fare, vorresti cucinare qualcosa, e immediatamente ti viene voglia di pane. Di fare il pane. Perché si sa, farlo a casa è una delle cose più belle, in assoluto. Chissà come mai però queste voglie vengono sempre quando magari tempo non ce n’è, e ti rendi conto che è impossibile soddisfare il tuo desiderio, perché il tempo e le condizioni non te lo permettono. Poi però, raggomitolata sul tuo sofa, ti viene in mente, una cosa. Il soda. Sì, il soda bread. “Certo” dici tra te e te “perché non ci ho pensato prima..” e sorridi. Così, in una lunga sera, impasti, cuoci e vicino al al fuoco del camino, aspetti che i paninetti siano pronti. Poi li sforni e il loro profumo invade tutta la casetta, senti una sensazione di incredibile conforto, di serenità. Poi ,ancora un po’ caldi, ne spezzi uno, lo gusti, e in quel momento ti senti la persona più felice del mondo. Un velo di burro, meglio se leggermente salato, del salmone scozzese ed è fatta. Non c’è nulla di meglio. Pensi che siano davvero meravigliosi.
Fuori è buio, e nulla muove. Tu contempli la pace, e ti rendi conto di come la felicità esista, che in realtà, basta solo volerla.

Soda bread quindi, gente. Uno dei tipi di pane che preferisco. Veloce, e semplice, personalizzabile e molto versatile. I miei, come quelli della storia, profumano di timo, salvia e basilico, poi il latticello, che li rende morbidissimi. Sono delle piccole meraviglie, che rendono una domenica davvero speciale. Si possono accompagnare con salumi e formaggi. Io però, quel giorno, li volevo proprio così. Con un po’ di burro e del pesce affumicato. Non avevo in casa del salmone, come avrei desiderato, quindi l’ho sostituito con la trota salmonata, che rende il tutto più delicato.
Buonissimo ugualmente, io però, cari miei, quel salmone scozzese ce l’ho ancora in testa, perché la mente, ahimè, è ancora nel cottage. Non c’è nulla da fare.  ;)

Buona domenica a tutti;)






Piccoli soda bread al latticello
tratta e modificata da Sale e Pepe, Ottobre 2012

Ingredienti:

450 g di farina 0 (io 00)
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
2 prese di sale
una manciata di erbette tritate al coltello (salvia, rosmarino, basilico e timo)
50 g di parmigiano
1 cucchiaio d’olio evo
1 cucchiaio di miele millefiori (io d'acacia)
200 ml di latte
250-300 ml di latticello (o yogurt magro)

In un ampia ciotola mescolare la farina, il bicarbonato e il sale. Aggiungere poi le erbette miste tritate e incorporare, se vi piace, il parmigiano. Formare un pozzetto al centro e degli ingredienti secchi e versarci l’olio, il miele, il latte e il latticello. Impastare bene nella ciotola fino ad ottenere una consistenza soffice, quasi molle. Trasferire l’impasto sulla spianatoia ben infarinata e iniziare a lavorare l’impasto, aggiungendo altra farina, per ottenere una palla liscia e omogenea.
Stenderla poi con uno spessore di circa 2 cm e con un coppa pasta, ricavare dei piccoli cerchi. Mettere i panini su una placca da forno rivestita di carta forno, spennellare la superficie con del latte. Cuocere i soda bread in forno caldo a 200° per 30-35 minuti.

Note:
- inizialmente l’impasto diventerà molto appiccicoso e molle, non preoccupatevi, insistete lavorando con tanta farina, fino a che non raggiungete un consistenza più fissa. Rimarrà sempre morbido, essendoci sia latte che latticello, ma sarà più facile da lavorare.



16 commenti:

  1. E' sempre così bello passare di qui ^_^
    I soda bread non li ho mai provati: dici che è giunta l'ora? :)
    Un bacione e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eli ;) Anche io non li conosco da molto, a dire la verità, ma guarda, una volta che li scopri non ci stai più senza :) All'inizio ero un po' dubbiosa, credevo che il bicarbonato non rendesse, invece, sono buonissimi, soffici e comodi, perchè non devi farli lievitare ;)
      Provali dai, vedrai, non ne rimarrai delusa !:)
      un bacio, buona domenica anche a te,
      M.

      Elimina
  2. ma che carini!!! manco sapevo della loro esistenza. E' bellissimo il tuo blog, si lo so che te l'o già detto ma credo che non dia fastidio ricevere complimenti sinceri:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Moni,carini e buoni allo stesso tempo, e sono felice di averteli fatti conoscere ;)
      Sei davvero cara, non preoccuparti, è sempre bello ricevere complimenti, sempre. Grazie inifinite ;)

      un abbraccio, a presto
      M.

      Elimina
  3. posso entrare anche io nel sogno e sedermi con te davanti al camino!?!?ovviamente con il famoso salmone :P
    mi sembra già di sentire il profumo di questi soda bread e il rumore delle chiacchiere nella pioggia!!!!!!!
    un bacio grande ^_^

    p.s.:la nebbia poi?se son queste è andata molto bene direi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi! ;) ovvio, vicino al camino e col salmone :)
      Comunque è vero, il loro profumo è così buono che tra un po' invade anche lo schermo..hihi :)

      @ps.: no no, lo sai che vado di settimana in settimana, queste non sono le nebbiose,quelle le ho fatte oggi ;) mi dirai :)

      Un bacione a te cara, a super prestissimo ;)
      M.

      Elimina
  4. Che bella idea, ho sempre fatto solo la "pagnottona" di soda bread e poi tagliata a fettone, ma i mini panini sono una stupenda idea!
    Grazie mille, un bacione,
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri! Anche io in realtà conoscevo solo la 'pagnottona' come dici tu, ma la versione mini mi piaceva un sacco, e ho deciso di provare.. e ne è valsa la pena :)
      Figurati, grazie mille a te, a presto,
      M.

      Elimina
  5. Ciao Martina, che bello il tuo racconto, mi ha dato l'illusione di fare la passeggiata della domenica in un posto nuovo e poi questo appuntamento del fine settimana mi piace sempre di più, anch'io pubblico ormai con la stessa cadenza e non è male visto che il fine sett. oltre ad essere il momento più adatto a cucinare e fotografare è anche quello più rilassante per leggere quello che preparano gli altri :-) questi panini sono fantastici, capisco quando la mente si appiglia ad un ingrediente in particolare, ma anche la trota salmonata non è niente male, brava!:-)

    RispondiElimina
  6. Non sai quanto sono felice di leggerti, aspetto sempre le tue ricette e le tue storie, sai? :)
    Prima o poi li farò anch'io, te lo prometto.
    Buon inizio settimana dolce Marti, ti stringo forte :*

    RispondiElimina
  7. :) il cottage inglese
    o il mas francese?
    io avrei qualche problema di scelta.....
    però questi paini al latticello son proprio belli!
    ciao :)

    RispondiElimina
  8. che belli sono...e chissà che buoni!! posso venire a trovarti nel tuo cottage?? :D buon inizio settimana!!!

    RispondiElimina
  9. sei bravissima come sempre! ♥

    RispondiElimina
  10. ho trovato il tuo blog per caso, ma sei davvero brava, le foto sono bellissime e le ricette molto utili!!! continua così :) questi soda bred sono carinissimi e buonissimi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuli! Benvenuta ;) Grazie infinite, mi fa così piacere, sei gentilissima:)
      Ti aspetto ancora, a presto
      M.

      Elimina
  11. @a tutti: grazie mille, siete sempre tutti fantastici, e ovviamente siete tutti invitate nel mio cottage ;)

    @Babs: ora mi hai fatto venire il dubbio.. mannaggia ;) un bacio

    RispondiElimina